Compagnia

NOI, INSTABILI DA 17 ANNI

 

Cominciamo ad essere “instabili” nel 1997, anno del nostro quarantesimo, (quando per tradizione tocca a noi organizzare i festeggiamenti con raccolta fondi per la Parrocchia) celebrando la ricorrenza con la messa in scena della nostra prima commedia “Cenerèntula”.
Partita come una scommessa si rivela invece un trampolino di lancio, per noi che “teatro” voleva dire solo sedersi in poltrona.
Nasce così la “Compagnia “Instabile” di Teatro – Classe 57″ che ha nel proprio dna i seguenti valori:

  • continuare a divertirsi come amici;
  • raccogliere fondi per iniziative di solidarietà;
  • mantenere viva la tradizione verbale e gestuale del dialetto trezzese. Ovvero la “lingua” dei nostri padri e la “lingua” della nostra infanzia.

Entusiasti, sognatori e galvanizzati da questo primo e inaspettato successo mettiamo in scena successivamente altri spettacoli, creati da noi:

–  Nel Curtil da la Mariola –
Vita di cortile

–  Cramembal, che surpresa! –
Raffaella Carrà e i suoi ospiti

–  La Lira e l’Euro –
Passaggio di conio

–  La sufestiga dumada –
Shakespeare docet

–  Priscilla la Regina del Lavatoio –
Sulle rive del  fiume Adda

–  La Morte la sa spusa in Piazza –
Scene da un matrimonio

–  L’Anima Travasada – (liberamente tratta da G.Bertini)
Orgoglio, pregiudizi, fragole e fantasmi

–  Quendas ann da “cumedi” –
divagazioni sulla nostra storia

–  Ga la farem a dasfesciala –
Provate Voi a maritare una figlia !!

–  Tutta colpa di un caffè –
Commedia brillante – per la prima volta in italiano

–  Teresa l’è malada –
Si torna al dialetto con la vita quotidiana, stavolta dal medico
Scritta appositamente per partecipare al concorso FITA “Artisti in vetrina 2013”

 

Copioni dai contenuti diversi ma con degli obiettivi che li accomunano: tenere vivo il nostro dialetto e le tradizioni popolari locali, cercare di divertire i nostri spettatori e contribuire con l’incasso a sostenere chi si impegna nel sociale.

Perché “Instabili”? Perché non siamo sempre i soliti, perché il nostro genere è vario e non sapremmo neanche dove collocarlo, perché quasi sempre inventiamo quello che recitiamo (o ci mettiamo molto del nostro), perché non abbiamo un teatro “stabile”,  perché non sappiamo cosa faremo domani,  perché non siamo mai uguali ma in fondo siamo sempre gli stessi.

Con il 2014 la Compagnia “Instabile” di teatro classe 57 viene rifondata come Compagnia “Instabile” Trezzo 57, a sottolineare una nuova apertura verso le altre forme di arte e per aprire l’associazione a tutti coloro, anche non legati alla classe 1957, che vorranno contribuire ai principi dell’associazione

Nel Giugno 2014 con lo spettacolo “Le sorelle Corametti”, vinciamo la rassegna teatrale “Artisti in vetrina” organizzata dalla Pro loco di Cologno Monzese e AUSER.

 

Nel nostro piccolo, ma sincero.

Questo sito utilizza dei "cookie". I cookie sono dei piccoli file di testo che vengono salvati sul tuo computer per permetterci di fornirti i contenuti di questo sito. Navigando sul sito, accetti l'uso dei cookie